Archivi categoria: Proposte Editoriali

LE PROMESSE IN UNA CATALOGNA DEL ‘500

La magia che Barcellona esercita su molte persone è cosa nota, così come è ormai noto il suo essere fonte di ispirazione per quei suoi abitanti che han fatto della scrittura la loro arte. Jorge Molist, l’autore del libro, va infatti ad aggiungersi a scrittori del calibro di Carlos Ruiz Zafòn e Ildefonso Falcones, che prima di lui ci hanno regalato con le loro storie delle immagini suggestive di una città che ha sempre qualcosa da raccontare.

La storia qui narrata è quella di Joan Serra, il giovane figlio di un pescatore che vede morire suo padre e rapire la madre e la sorella in seguito ad un attacco da parte di una galea corsara avvenuto nel suo villaggio situato nei pressi di Palafrugell, ad un centinaio di chilometri da Barcellona.

“Promettimi che sarai libero” è la richiesta fatta dal genitore in punto di morte mentre il figlio lo stringe tra le braccia, una promessa che da quel momento in poi si tramuterà nella sua ragione di vita.

La capitale della catalogna gli offrirà l’opportunità di ripartire mettendo alla prova le sue capacità e il suo zelo nell’ottenere ciò che vuole, nonostante il periodo di crisi che la città stessa sta attraversando.

La storia si svolge infatti verso la fine del 1400 quando Barcellona era nel pieno del declino dovuto all’unione con il regno di Castiglia, che estromise la città dai traffici commerciali più importanti in favore di una Madrid che al contrario prosperava come capitale dello stato spagnolo.

Le corporazioni dei mercanti che ne guidavano l’economia furono le prime a risentirne, ciò fu dovuto anche alla triste parentesi dell’inquisizione spagnola, che insediatasi nella città non lasciava tregua a tutti coloro che abbracciavano una fede diversa da quella cattolica. Gli ebrei ovviamente, furono i primi a dover fuggire, salvo quei pochi che decisero di rischiare la sorte fingendosi ciò che non erano grazie a conversioni di fede che tali erano solo di facciata.

All’interno di una di queste corporazioni, quella dei mastri rilegatori, Joan viene ingaggiato come apprendista, e come nuovo arrivato non ha per nulla vita facile, questo grazie ai prepotenti che abusano del loro autoproclamato potere ma anche a causa di un passato che non lo abbandona ma che lo spinge ogni giorno a nuove ricerche della madre e della sorella, svolte per lo più nelle taverne frequentate da marinai ubriachi e facili alle risse.

L’avventura narrata, basata su fatti realmente accaduti con tanto di quei personaggi storici che ne furono protagonisti, contiene tutti gli ingredienti necessari a renderla coinvolgente come le altre qui ambientate, lo scenario di crisi è infatti uno sfondo ideale per un protagonista che ha dinanzi a se un percorso in salita irto di difficoltà, dove non manca l’amore reso impossibile proprio dalla crisi stessa e dove un solo passo falso basta per compromettere l’obiettivo finale che egli stesso si è posto.

La scelta fatta dalla casa editrice italiana di suddividere in due parti l’opera che nella versione originale è composta da un solo volume è poco comprensibile visto che il numero di pagine non supera le 800 totali, senza dubbio però, per una storia così val la pena di aspettarne il seguito per scoprire la sorte per nulla scontata del protagonista.

Una nota di merito va ovviamente all’autore che, nel narrare le vicende perlopiù drammatiche che si susseguono nel corso del romanzo, tiene sempre viva la speranza di un cambio di rotta, percepibile grazie alla temerarietà di Joan, ben evidenziata con un’ottima costruzione del personaggio; senza ovviamente tralasciare tutto il contorno, descritto minuziosamente fino a creare un’immagine nitida di una Barcellona mai sazia di nuove avventure.

**************************************************

 

Titolo: Promettimi che sarai libero
Autore: Jorge Molist
Edizione: Longanesi
Tradutore: Bovaia R.
Anno: 2012
P. 373

Jorge Molist è uno scrittore spagnolo, dei suoi sei romanzi solo due sono stati pubblicati in Italia, nonostante il successo ottenuto negli altri paesi. Il primo intitolato “L’anello del Tempio” è attualmente fuori catalogo.

Inoltre una breve nota biografia in italiano.

 

LA RICCHEZZA PER UNA NAZIONE

In Italia prostituirsi non è un reato – altro è lo sfruttamento della prostituzione – ma il settore non è regolato da nessuna legge, con i risultati che vediamo ogni giorno. Lo è invece in Germania, in Austria, Svizzera ed Ungheria, dove chi vuol vendere il suo corpo può farlo solo in strutture regolarmente autorizzate e in precise zone cittadine, registrandosi al commissariato, pagando le tasse e adempiendo a precise norme igieniche. Sono strutture ben diverse dalle case chiuse di una volta: questi bordelli del 2000 sono in genere gestiti senza pressioni criminali, almeno in Germania, dove qualsiasi donna può dunque, in linea di principio, scegliere liberamente di fare la puttana. Quello che nella patria di Lili Marleen fa “Sonia Rossi”, una studentessa siciliana (ci risiamo!) che studia matematica a Berlino alla prestigiosa Università Humboldt (1), ma trova difficile mantenersi agli studi lavorando come commessa o barista, dovendo conciliare gli orari di lavoro con quelli delle lezioni. In più si è portata dentro casa Ladja, un giovane polacco conosciuto in un locale dove lei lavorava. È un tipo senz’arte né parte, né ha fantasia di lavorare: ogni tanto si vende agli uomini, come fa il suo amico Tomas, oppure fa lavoretti saltuari. Ladja dev’esser molto bello e bravo a letto, altrimenti non si spiega perché una ragazza sì dotata vada a infognarsi con un parassita sociale. La nostra Sonia decide quindi in piena coscienza e libertà di lavorare prima in una chat line erotica con video, poi passa ad un salone massaggi con extra, poi a un bordello per immigrati, poi ancora a un night club con camere da letto comprese, poi ancora in un altro salone di massaggi ed extra, e così via. Fa insomma la puttana e lo dice apertamente, anche se la famiglia non sa niente (ovvio) e il fidanzato (poi marito) accetta a malincuore (?) questo sistema capace di mantenere due persone. Che lei lo faccia per soldi è chiaro, anche se arriva pure a chiedere ogni tanto altri soldi ai genitori. Sonia e il suo Ladja devono aver proprio le mani bucate: vivere a Berlino costa meno che a Roma, mentre neanche i soldi fatti scopando bastano per due, al punto di dover accettare alcune faticose quanto ben pagate trasferte in bordelli di lusso tedeschi e svizzeri: la crisi economica tange anche le puttane. E’ vero che così trova il tempo per studiare e seguire le lezioni di matematica e tedesco (il libro è stato scritto in tedesco), ma spesso litiga con il milieu dove lavora. Deve avere comunque un certo stomaco, visto che è la prima a dire che certi clienti e certi locali fanno solo schifo. Come si fa? Noi uomini sappiamo da sempre separare il sesso dal sentimento, e qui semplicemente le donne non sono da meno. E una volta risolto questo problema, risolvere gli altri è facile. Le descrizioni delle puttane e dei clienti sono imparziali: c’è del buono e del marcio da entrambe le parti, e la clientela è uno spaccato della vita sociale berlinese. Ricchi e poveri, operai e professionisti, singoli e sposati, ariani ed immigrati, normali e pervertiti, ma tutti uniti nel frequentare il dopolavoro del Fottistero. Sia chiaro che le puttane hanno spesso un fidanzato, un marito e magari un figlio, ma quel mondo rimane fuori dal lavoro, dove le attese si ingannano giocando a carte, vedendo la tv o consumando rotocalchi. O parlando di uomini. Li conoscono bene? Si, ma attraverso un rapporto professionale. In quattro anni Sonia e le sue amiche saranno andate a letto con almeno mille diversi uomini a testa, ma i sentimenti li lasciano per l’uomo con cui dormono la notte, anche se è un buono a nulla. La nostra Sonia però s’innamora di Milan, un uomo sposato con figli, con cui scopa veramente e ne resta anche incinta (segue aborto con sensi di colpa). L’anno dopo invece rimarrà incinta di Ladja e a quel punto la sua vita cambia: farà i soldi coi clienti che amano il preggo sex e smetterà quando nasce il pupo. I teutonici servizi sociali stavolta le verranno incontro e in seguito troverà un buon lavoro di ufficio, che le permetterà di finire gli studi senza farsi sbattere su un letto. E finalmente caccerà di casa l’irresponsabile marito. Meglio tardi che mai.

E resta una domanda inevasa: di Berlino ormai sappiamo tutto, ma qui a Roma quante sono le studentesse fuorisede che lo fanno? Non esistendo bordelli legalizzati, non lo sapremo mai.

 

**********************************

FUCKING BERLIN
Sonia Rossi (pseud.)
Rizzoli, 2009 e ristampe
220 p. 14 euro

**********************************
NOTE
(1)    “Sonia Rossi” nel testo dice di essere nata nelle isole Eolie, figlia della locale bibliotecaria. Può darsi che imbrogli le carte, visto che con tali informazioni è troppo facile risalire alla sua ‘identità: l’unica biblioteca pubblica sta a Lipari, né tutti mandano la figlia a studiare matematica a Berlino. L’accento di Lipari viene comunque riconosciuto da un cliente italiano, un professore universitario di linguistica italiana venuto per un congresso. La biblioteca comunale di Lipari fu fondata nel 1958 e oggi ha ben 27.000 volumi. Sito: http://www.sbrmessina.it/comlipari.html#

IN UN NON LUOGO

La nozione di non luogo, fortunata definizione dell’etnologo Marc Augé si attaglia perfettamente ai film di Wim Wenders come alla narrativa di Rosa Liksom, nome d’arte di una scrittrice finlandese di origine lappone già nota in Italia per la raccolta di racconti Memorie perdute (2003). Anche la nuova raccolta, Stazioni di transito (1) presenta personaggi che in sostanza non consistono. Da un lato cioè non hanno consistenza, dall’altro non si fermano mai in nessun luogo, non lo fanno mai proprio. Rosa Liksom per questo può ben figurare in un’antologia del postmoderno, dove nulla è sicuro, dove non c’è ideologia e i rapporti tra le persone sono precari quanto quelli di lavoro o di spazio. I personaggi di Rosa Liksom ti usano ma non comunicano e per questo sono antipatici. C’è di tutto: barboni, studenti, ragazzine scappate di casa o solo cretine, globetrotter, disoccupati. Ma non è la classe sociale a unirli, né in assoluto la marginalità: alcuni hanno una casa e un lavoro, o campano – siamo negli anni 80 – dei generosi quanto inutili sussidi dello stato sociale scandinavo. A unirli è piuttosto un indistinto malessere che non riesce mai a raggiungere la massa critica di una protesta politica o almeno di un’identità collettiva. Nessuno di loro ha un progetto. Sono, tanto per capirci, quelli che per strada ti chiedono i soldi o la sigaretta e neanche ringraziano. I personaggi di Rosa Liksom troppe volte si mettono nelle condizioni di non poter essere aiutati e finiscono in questura per la sciocchezza di turno. Nel cinema abbiamo imparato a conoscere questa umanità nei film dei fratelli Kaurismaki, penso p.es. ad Arvottomat (lett.: i senza valore).

La seconda parte del libro invece ci porta nel profondo Nord, terra che l’autrice conosce bene. Qui, al contrario, nulla sembra si muova, anche se in realtà molti giovani sono andati a lavorare in Svezia (il libro – ricordiamolo – risale agli anni ’80). Se i personaggi della prima parte erano i nomadi del postmoderno, qui tutto ristagna in un universo limitato. Si narra anche di un incesto, che è un classico della povertà di contatti con l’esterno. L’autrice del resto non s’inventa niente: in quei posti ci è nata e anche la cinematografia Sami(così vogliono essere chiamati i Lapponi, ndr.) rimanda sia agli spazi aperti che alla claustrofobia invernale. Ricordo un film del 1974, Maa on syntinen laulu (lett: La terra è una canzone peccaminosa) di Rauni Mollberg, dove una storia d’amore veniva vissuta in mezzo ad alcolismo, cupa fede luterana e allevamento di bestiame.

E qui s’impone una riflessione precisa: davvero i nordici personaggi di Rosa Liksom sono diversi da Brevik, il lucido folle autore della strage di Oslo? Anche i protagonisti dei romanzi di Larsson hanno la stessa caratteristica: sono magari taciturni per anni, poi improvvisamente esplode in loro la carica dell’aggressività repressa, indirizzata verso uomini e animali, ma senza un motivo o un obiettivo razionale apparente. Noi, mediterranei passionali, siamo abituati a esternare i nostri sentimenti; magari litighiamo con tutti, ma non abbiamo di queste impreviste esplosioni di odio. Questo tipo di violenza è da anni la cifra del malessere nordico e la letteratura lo aveva capito da tempo, anticipando come sempre la cronaca.

**********************************

Stazioni di transito
Rosa Liksom
Edizioni Artemisia, 2012
145 p.,20 cm
prezzo 15 euro

Disponibile presso la libreria Fahrenheit 451° di campo de Fiori

********************************** 

(1) In realtà è la prima, essendo uscita in Finlandia nel 1985. Il titolo originale, a tradurlo alla lettera significa: una notte di sosta. La traduzione delle opere di Rosa Liksom si deve all’ottima Delfina Sessa, diplomata all’Orientale di Napoli. Suppongo che sia sua anche la prefazione, non firmata.

**********************************

 

 

FORMAZIONE DI UN ROMANZO

La calda costa della Spagna è il luogo dove ci accolgono Beatrice e Edoardo, i protagonisti di questo coinvolgente romanzo scritto dall’esordiente Riccardo Iozzolino.
L’autore con la sua prima opera intraprende un percorso di maturazione narrativa molto piacevole, che non tarda a trasmettere le prime emozioni grazie alle sue parole e ai suoi personaggi, di cui ripercorre la vita dall’infanzia fino all’età adulta.
Una particolarità del libro che val la pena sottolineare è l’apporto musicale che spesso fa da sottofondo alle avventure dei protagonisti, definendo ulteriormente la personalità di ognuno di loro.
Gli artisti e le canzoni presenti, infatti, danno vita ad un “Romanzo Musicale” meritevole di questo titolo fino all’ultima pagina, dove meglio non poteva essere espresso questo concetto.
La storia si apre come già detto in Spagna, la maggior parte di essa però si svolge in Italia, in un luogo non ben definito, dettaglio, questo, che regala a chi legge il piacere di ambientarla dove meglio crede o dove più gli sembra possibile, in base anche a quelle esperienze che non appartengono solo ai protagonisti ma anche ai lettori stessi.
Veniamo ora alla trama, due sono i personaggi principali e due sono le vite che ci vengono raccontate in un intreccio di capitoli ben costruito, un’alternanza che alza subito il ritmo del libro per la curiosità che si crea alla fine di ognuno di essi e che non si esaurisce fino a che l’intreccio non diventa una linea unica.
Due storie, quindi, viste in tutte le fasi cruciali della crescita di una persona che un po’ tutti han vissuto, come le scuole primarie, i pomeriggi all’oratorio con gli amici, l’università e il lavoro. A far da sfondo l’amore, quello delle famiglie innanzitutto, con tutti i pro e i contro ad esso legati e quello di coppia, dalle prime esperienze alle prime delusioni.
Tema dunque, che condisce il romanzo nella sua interezza senza però farla da padrone, lasciando il posto ad altre tematiche che, se vengono colte fanno luce su cosa intende l’autore con “fantastica eccezione”.
Riccardo Iozzolino rende palese lo zelo con cui si è dedicato alla stesura del romanzo, non lasciando nulla al caso ma definendo un percorso chiaro e piacevole dove è facile rivedere se stessi.
Molti dei pensieri espressi, alcuni dei quali comuni a tutti ma sul quale magari non ci si sofferma mai abbastanza, meritano invece di essere considerati più a fondo.
Oltre a ciò è inevitabile il coinvolgimento emotivo creato dall’affinità con i vari personaggi, che porta a legarsi più ad uno piuttosto che all’altro, finendo per viverne le esperienze in prima persona, come spesso capita in questo genere di libri.
Il risultato finale di tutto ciò è un romanzo dove un titolo come “Fantastica eccezione” non poteva essere più rappresentativo, una novità interessante che si inserisce meritevolmente tra i nomi più noti del suo genere senza esserne da meno.

**************************************************

Titolo: Fantastica Eccezione
Autore: Riccardo Iozzolino
Editore: MJM editore
Anno: 2012
P. 312
http://www.mjmeditore.it/

Attualmente il libro con poca probabilità si trova sugli scaffali delle librerie, è però facilmente reperibile sul sito ufficiale della casa editrice, http://www.mjmeditore.it/ e in tutti i maggiori siti di vendita on-line di libri.
L’autore presenzierà alla “Fiera Internazionale del Libro” nello stand della casa editrice MJM, che avrà luogo a Milano dal 26 al 29 ottobre, data quest’ultima, in cui presenterà personalmente il romanzo.
Per conoscerlo e per alcuni cenni biografici è possibile visitare la sua pagina facebook http://www.facebook.com/ricky981 o quella twitter http://twitter.com/gricky981/.
Nel link che segue invece, trovate un’intervista avvenuta presso una tv locale dove è egli stesso a presentare il suo libro.
http://webtv.la6.tv/video/100043108

 

EDITORIA AUTOPRODOTTA

Libro originale, ripercorre attraverso due biografie la storia di due confini: quello tra sudtirolesi e italiani, e quello tra italiani e sloveni. Confini ora tangibili, ora invisibili, modificati nel tempo dalla politica sino a diventare oggi i più aperti d’Europa. Ma con una lunga scia di odio, morte, diffidenza e danni alle persone. L’autore narra due storie emblematiche di gente comune: la storia di Giovanni Postal, cantoniere italiano presso Salorno (dove scorre la linea linguistica che divide da sempre italiani e tedeschi), e di Udo Grobar, pensionato della minoranza slovena di Gorizia con i parenti oltrela Casa Rossa, che all’epoca equivaleva al Muro di Berlino. Il primo salta per aria nel 1961 mentre cerca di rimuovere un ordigno messo lungo la strada dai terroristi tirolesi, l’altro si trova  nel1991 inmezzo alle sparatorie tra milizia slovena ed Esercito federale jugoslavo per il controllo dei valichi di frontiera. Due uomini comuni ed abitudinari, sconvolti e travolti dalla Storia. Di entrambi seguiamo da vicino la vita banale, regolare, fino a quel momento in cui la loro vita cambia o sparisce. Giovanni Postal e Udo Grabar si trovano in mezzo ad avvenimenti più grandi di loro e non hanno la coscienza politica o la cultura per affrontarli. Sono dunque perdenti. Conquistano però il loro posto nella storia, che non è fatta solo di episodi di guerra e trattati di pace. Ma anche nel grande romanzo storico i protagonisti si trovano sempre al momento sbagliato nel posto sbagliato, incapaci di scegliere tra la fedeltà al proprio clan e il nuovo che avanza, e soprattutto poco coscienti del cambiamento epocale. Qui, anche se malconcio, Udo Grobar almeno resta vivo, mentre Giovanni Postal paga caro il suo senso civico e anche la sua imprudenza.

La narrazione delle due storie è preceduta da due introduzioni. Una è di Majda Bratina, l’altra di Oskar Peterlini, rispettivamente per il confine Nordest e per l’Alto Adige/Sud-Tirol. Confine politico ormai disciolto al sole il primo; confine tutto interno alla nazione l’altro, ma non invisibile. Per l’Alto-Adige/Sudtirol, la lunga introduzione del senatore Oskar Peterlini (pp. 14-60) sfora ampiamente lo spazio concesso alla slovena Majda Bratina (pp.7-13), ma è una lettura illuminante. Se ne ricava non solo la storia del Tirolo, che forse pochi italiani conoscono bene, ma soprattutto il punto di vista tirolese. Quanti di noi sanno p.es. che anticamente i Tirolesi erano esentati dal servizio militare al di fuori della loro terra, ma a patto di difendere militarmente i valichi strategici, a cominciare dal Brennero? Gli Schutzen (i miliziani tirolesi) da noi non sono certo amati, ma storicamente in Europa la legalizzazione di milizie regolari autonome è stata concessa solo in casi estremi, come nelle krajne, le province militari balcaniche dell’Impero Asburgico. Questo ha dato col tempo ai Tirolesi una coscienza politica e un’identità particolari, fortemente strutturata e di fatto sottovalutate dai governi italiani che, soprattutto tra le due guerre, hanno cercato di snazionalizzare la zona. Il resto è storia, ben riassunta da Peterlini e scavata nel quotidiano da Scagnetti, che ci illustra anche retroscena poco noti. Chi scrive, se non della Feuernacht si ricorda almeno di Klotz e Burger e della ventina di italiani – militari e civili – vittime del terrorismo sudtirolese, ma anche della capillare presenza militare: c’erano soldati dappertutto. Ma solo dopo abbiamo saputo delle manovre dei nostri servizi segreti e dei circoli pangermanisti bavaresi, tra ambiguità, timori e colpi bassi. Se gestita male, poteva finire come in Irlanda del Nord. Colpisce piuttosto l’aspetto assoluto del punto di vista tirolese. Noi italiani siamo stati cacciati e snazionalizzati dall’Istria e dalla Dalmazia da un governo jugoslavo che concedeva invece l’uso della lingua e un seggio in Parlamento persino agli Zingari, per cui difficilmente riusciamo a capire di cosa possa ancora lamentarsi oggi una minoranza ricca, autonoma e protetta dal bilinguismo amministrativo e dalla riserva dei posti e delle case, che ha di fatto frenato l’immigrazione italiana e creato – almeno in certe zone – una sorta di Apartheid alla rovescia. La speculare autonomia del Trentino non deve ingannare: fu voluta da De Gasperi per bilanciare provvedimenti troppo favorevoli alla parte germanofona. Perché non è questione solo di lingua, ma di culture diverse. Né è facile capire per un italiano medio la figura di Aldo Moro, che sia verso gli Austriaci che gli Jugoslavi (senza contare i Libici) sembra aver concesso tutto in cambio di niente, sbandierando poi i rispettivi trattati come un grande successo della diplomazia italiana. In nome della Pace e su pressione dell’ONU e degli Americani, ma di fatto rafforzando quella destra nazionalista che si voleva eliminare dal gioco politico. Poi, per fortuna – ma l’on. Peterlini ne parla poco – l’unificazione europea ha di fatto superato il concetto stesso di nazione, a tutto vantaggio (paradossalmente) delle regioni storiche. Non però di quelle artificiali, come la Padania, che del Tirolo non potrà mai comprendere e mutuare le strutture profonde.

La minoranza slovena è  invece meno numerosa e meno ricca e istruita di quella sudtirolese, per cui ha una storia diversa, fatta di contadini del Carso, montanari di Carnia e operai inurbati, magari anche agguerriti, ma privi di istruzione superiore. In più, dopo l’ultima guerra questa comunità è rimasta a cavallo della frontiera, politicamente divisa tra Cominformisti (= stalinisti) e titini, osteggiata dai nazionalisti italiani e vista come quinta colonna di un’invasione jugoslava, pur godendo comunque di tutele maggiori di quelle concesse alla minoranza italiana oltreconfine. Attualmente la ricchezza economica raggiunta dalla Slovenia e lo sviluppo del porto di Capodistria stanno modificando i rapporti di forza tradizionali, ma per anni non è stata così. E infatti Udo Grobar lavorava in ospedale a Trieste come umile operaio, prima di tornare – impoverito – al suo borgo sloveno in quel di Gorizia. E’ italiano, ma di serie B. Approfitta della carne e benzina jugo e dei valichi secondari per andare dai parenti, ma non si rende conto della situazione che cambia, anzi precipita. In fondo, nella Guerra Fredda aveva come tanti trovato un equilibrio. Minimalista, ma stabile. Il suo errore è lo stesso delle gerarchie politiche dell’epoca: pensare che tutto questo durasse in eterno, mentre dopo il9 novembre 1989– quando crolla il Muro di Berlino – l’Europa è cambiata per sempre.

Unica nota negativa: l’impianto tipografico. Per un malinteso con l’editore (come abbiamo appurato scrivendogli direttamente) l’impaginazione riproduce in scala la struttura delle bozze in Word, con gli stessi margini e interlinea e microscopiche note in calce. Peccato, perché la distribuzione affidata alle librerie Feltrinelli ha risolto invece il problema di sempre: quante volte un buon libro è rimasto in magazzino per mancanza di una rete distributiva!

****************************************

ACCADDE AL CONFINE: STORIE DI GIOVANNI POSTAL E UDO GROBAR
di Scagnetti Gianluca
€ 14,50
Editore Pubblicato dall’Autore, 2012
Collana La community di ilmiolibro.it
5a edizione
pagine 272
Isbn:9788891015044

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=758222