Archivi tag: Palestina

Giro d’Italia, il buco nero dell’informazione

di Enrico Campofreda –

Tutti a parlar di buche, che in una Roma addomesticata dai peggiori politicanti millantatori di cambiamento e propositori di affarismo, ha visto il chiacchierato Froome primeggiare; i corridori frenare e trasformarsi in cicloturisti per non rischiare, uno squarcio via l’altro, l’osso del collo; il pubblico far finta di godersi uno spettacolo che non è stato tale perché una tappa ciclistica non è la scampagnata che ha in mente l’attuale sindaco dell’ignavia seduto in Campidoglio. Dicono, a ragione, gli organizzatori che il fondo degli 11 spettacolari chilometri, su cui la carovana a due ruota avrebbe dovuto girare dieci volte, doveva essere asfaltato da mesi. Virginia Raggi e il suo personalissimo staff hanno applicato il programma che i romani conoscono ormai da un biennio: il nulla condito, nel caso delle strade, da qualche sputo di cemento e pezzatura di catrame seminati qua e là. Oggi i lettori trovano tanti noti colleghi di testate mainstream, sportive e non, a parlar giustamente delle buche delle vie romane che hanno rallentato i pedalatori professionisti e dei buchi nei piani di politici inadeguati non solo per una buona amministrazione, ma semplicemente per un’ordinaria lista delle urgenze che sui sette colli sono diventate alture insormontabili. Però i media e i loro operatori in questo Giro che doppia il centenario, ed è stato portato nelle prime battute a Gerusalemme, hanno evidenziato il proprio stratosferico buco al compito che gli compete. Un buco nero nel quale s’è persa o viene omessa la finalità primaria del ruolo: informare raccontando quel che accade.

Così nel rievocare le gloriose storie delle due ruote in rosa, visto che si partiva dalla Città Santa non c’è stata alcuna contestualizzazione su chi (Israele) con l’occupazione militare nel 1967 ha violato tale santità, anche della propria religione. Qualcuno obietterà che non c’entra nulla, invece c’entra eccome. Dipende dal senso che si vuol dare alla cronaca. Nell’inquadrare soldati coi mitra spianati s’è detto delle ragioni di sicurezza, tralasciando l’insicurezza e la morte che negli stessi giorni i commilitoni di quei militari spargevano in un altro angolo della Palestina lacerata e umiliata con la creazione dello Stato di Israele. A Gaza morivano più di cento cittadini che manifestavano ricordando il diritto al ritorno sulle proprie terre, mentre i finanziatori del Giro sbarcato nella Palestina storica più i suiveurs che lo stavano narrando, ricordavano il giusto Bartali, salvatore di ebrei perseguitati, ma non spendevano una parola per rammentare ciò che accadeva attorno alle strade riempite dal ticchettìo armonico di cambi e catene. Nel mondo disarmonico di un’informazione non dedita ai fatti, ma schiacciata sugli interessi di editori più politici che imprenditori e di direttori e cronisti asserviti alle due tipologie citate, non c’è spazio neppure per brandelli di racconto per offrire un servizio al lettore, figurarsi per un percorso di verità. Il settorialismo sotterra la cronaca, così chi doveva descrivere le tappe nei Territori occupati parlava esclusivamente di scatti e tempi, senza soffermarsi neppure un attimo sui luoghi e il contorno.

Del resto se già in partenza mancava, e non pensiamo involontariamente, la riflessione del motivo per cui il Giro dovesse sostenere il piano d’Israele di condire con un simile evento internazionale  la celebrazione del 70° anniversario della sua nascita come entità statale, non ci meravigliamo, ma lo denunciamo, che tanti colleghi abbiano taciuto la presenza lungo il percorso della Corsa Rosa rientrata nella penisola, di dimostranti pro palestinesi. Rumorosi con slogan, visibili con bandiere coloratissime, seppure compressi da manipoli di poliziotti in borghese e tenuti lontani dai traguardi dove si concentrano telecamere e obiettivi. Spiace che troppe camere e flash e taccuini si siano disinteressati d’una presenza, ovviamente politica, che parlava di Palestina e dei diritti calpestati di questo popolo. La contestazione della linea criminale spacciata da Israele come autodifesa diventa una conseguenza dei discorsi di tali attivisti. E costoro, possono piacere o no, erano presenti a bordo strada. In gruppi talvolta sparuti, tal altra più numerosi, dicevano la loro, ma sono stati ignorati da un’informazione che non vuole informare e punta a presentare una realtà di comodo, secondo princìpi ben lontani dalla deontologia. Nel termine, rivendicato da chi svolge questo mestiere, il discorso è unito al dovere cui si è tenuti a rispondere. Per coscienza, per morale o semplicemente per coerenza col ruolo prescelto. Un ruolo principalmente di servizio, ancor più se pubblico. Poi, nella neutralità assoluta che non esiste, ogni operatore dell’informazione ha opinioni proprie e magari può esprimerle a commento. Quel che diventa insostenibile è celare la realtà. Tutto ciò nel giornalismo diventato propaganda è un comportamento purtroppo diffuso. E’ quel cancro che trascina in un abissale buco nero non solo l’informazione, ma la stessa esistenza professionale.

Pubblicato lunedì 28 maggio 2018
Articolo originale

Palestina: una terra troppo amata

Il dramma della Palestina attraverso la voce del Poeta.

 

Sembra che tutto sia iniziato da quell’undici settembre del 1917 quando,

dopo quattrocento anni di dominio ottomano,

ebbe inizio il mandato di gestione britannico sulla “Terra Santa”.

Ma il dramma del popolo palestinese ha radici profonde.

La parola Terra fiorisce copiosa nella letteratura palestinese,

soprattutto nella poesia, non solo nel senso di patria

ma come luogo dell’anima, origine, madre, radice.

Le più belle poesie d’amore sono rivolte all’amata Terra,

E mai un così piccolo luogo è stato tanto amato e conteso.

con passione cruenta.

Una regione che la gente ha reso immensa colmandola di nostalgie.

Tre miliardi di esseri umani, consciamente o inconsciamente,

fanno riferimento a questo “fazzoletto” di terra, luogo di nascita,

di incontro e scontro delle tre grandi religioni monoteiste,

purtroppo in vario modo affette da integralismo:

origine di atroci conflitti e d’ogni dittatura.

 03 AdN Mahmoud Darwish Mahmoud-460x276 03 AdN Mahmoud Darwish 1219103746mahmoud_darwish_cartoon

 

Impronte nel Vento

Creare un’economia nei campi profughi di Shu’fat (Gerusalemme) e Kalandia (Ramallah), tra i luoghi più disagiati per le restrizioni alle quali gli abitanti sono sottoposti, è un’impresa ardua. Non sono luoghi isolati dal Mondo come Gaza, ma sono sempre dei campi profughi dove il vero nemico per un futuro migliore può essere rappresentato dal fatalismo degli eventi per dare una speranza attraverso l’affinamento del processo produttivo secondo criteri etici e solidali per generare un reddito.

La Palestina è un luogo ricco di risorse possibili, intellettuali ed umane, devastato da un conflitto senza fine e come in ogni situazione difficile l’ingegno si acuisce per dare il meglio dell’inventiva nel rispondere ai bisogni prioritari generati dalla situazione di conflitto e povertà endemica in una parte della popolazione, coniugando lo sviluppo educativo con quello economico.

È su queste premesse che l’organizzazione Vento di Terra è intervenuta, stimolando anche la creatività individuale, con il progetto Impronte di Pace per dar vita ad un modello associativo della lavorazione della pelle, in tutti i vari aspetti produttivi e commerciali dei sandali Made in Palestine.

È attraverso la rete di proprie Botteghe del Mondo dell’organizzazione no-profit di commercio equo e solidale Nazca che Impronte di Pace troverà sostegno per la vendita.

***********************

 01 Beau geste Campagne Impronte di Pace di Vento di Terra 01-bimbi-rid copia