Tutti gli articoli di Marco Tullio Secondo

Zeus ha detto OXI – NO

Un tempo,
un tempo immemorabile è passato da quando i nostri corrierini titolavano:
“Poche migliaia di voti separano il si dal no”.

Forse per questo Atena ha sentenziato:
“Guardatevi dai corrierini e dai fasulli sondaggini”.

Come non credere ad Atena e quanto sono privi di ogni credibilità i presunti organi d’informazione, in realtà di disinformazione.

E i corrierini aggiungevano “Tsipras è un dilettante”.
Bon.
E che dire dei professionisti della Troika che hanno somministrato alla Grecia il rimedio che ha portato al crollo dell’economia greca.
Tanto per ricordare 25,5% disoccupati, 10 mila suicidi.
Eppure anche il più deficiente degli economisti sa che se crolla la domanda interna di un paese, la sua economia va in crisi irreversibile.
Eppure neppure il più deficiente degli economisti sostiene che alle condizioni attuali la Grecia è in grado di restituire il debito.
E allora?
Forse qualcuno ha chiesto le dimissioni della professionista Lagarde che si è assunta il ruolo di liquidatrice della Grecia?

Alla fine della prima guerra mondiale i vincitori pretesero che la Germania pagasse il mostruoso debito di guerra, ma i tedeschi i soldi non li avevano.
Quel pericoloso estremista di sinistra a nome Winston Churchill, ricorda che fu escogitata questa brillante soluzione: prestare ai tedeschi più soldi di quanti non ne dovessero restituire.

E fu nazismo.

Crisi Grecia Memoria corta Le conseguenze economiche di austerità Amartya Sen 700x350c50.jpgUe Intellettuali per unioni bancaria fiscale economica politica Europa