Archivi tag: Degrado

Reggia di Carditello: Il recupero dopo il saccheggio

Lo sport maggiormente praticato nel Bel Paese d’Italia è l’atto di pentimento, da buona nazione cattolica, per ogni mancata scelta. Atti di costrizione che vagano tra le politiche sociali e quelle sul patrimonio artistico, per non dimenticare le incertezze nella politica estera e nei diritti civili, amareggiano molte persone che continuano a meravigliarsi di quanti tesori l’Italia continui a celare nell’indifferenza degli amministratori sino a quando la pubblica opinione riesce a scalfire l’analfabetismo dilagante e porre all’attenzione la necessità di preservare un bene come la reggia borbonica di Carditello.

Il Ministero ai Beni Culturali ha acquisito la Reggia di Carditello, esempio di villa agricola, ma solo dopo aver che ha subito continui saccheggi. Forse sarebbe opportuno interrogarsi, prima di gioire, se una testimonianza di un’epoca e di un concetto di agricoltura possa essere occasione di grassi affari prima di gettare in un pozzo milioni di euro e poi lasciarla bella e splendente in mezzo a cinque discariche, senza collegamenti e soprattutto con un deficitario programma di valorizzazione turistica.

Il professore Stefano Settis gioisce, ma dopo La Grande Bellezza è oramai ufficializzato che – bellezza fa rima con mondezza – sarebbe utile evitare che le cinque discariche presenti nelle immediate vicinanze della tenuta agricola non compromettano il suo sogno di renderla apparentemente produttiva a fini didattico turistici.

È opinione dell’arch. Eugenio Frollo, del Forum di Agenda 21, che saranno sufficienti una dozzina di milioni di euro, più di quello che è costata per acquistarla, per rendere la Reggia adatta ad accogliere i visitatori e possibili eventi. Forse l’architetto è ottimista o non è a conoscenza della proverbiale voracità dei politici e degli amministratori per far lavorare tutti e al più allungo possibile, senza dimenticare che, a differenza delle discariche presidiate da militari per l’alto valor strategico, per decenni il complesso è stato lasciato in balia dei saccheggiatori, spogliandola di tutto, anche dei gradini.

Dopo i lavori cosa rimarrà dell’originaria struttura, e si potrà ancora definire un intervento di restauro o sarà una sorta di ricostruzione post terremoto?

Saranno “subito” disponibili tre milioni di euro per i primi lavori, poi una fondazione, con i Ministeri dei Beni culturali, dell’Ambiente e dell’Agricoltura, enti locali e associazioni impegnate sul territorio, dovranno gestire le successive fasi.

I preventivi saranno solo indicativi e le spese sicuramente lieviteranno e alla fine tanto lavoro e fondi per nulla, perché una testimonianza settecentesca, assediata dalla mondezza anche se legalmente ordinata, non avrà infrastrutture necessarie per la promozione e l’accoglienza.

Non sarebbe opportuno elaborare un progetto complessivo che non preveda solo l’organizzazione dei lotti dei lavori, ma anche come rendere in futuro accessibile e fruibile il parco e la dimora?

**************************

 01 Italia Beni Culturali Reggia di Carditello Il recupero di una villa borbonica reggia-carditello-300x225 01 Italia Beni Culturali Reggia di Carditello Il recupero di una villa borbonica da fanpage carditello-lavori-restauro 01 Italia Beni Culturali Reggia di Carditello Il recupero di una villa borbonica Parco1 01 Italia Beni Culturali Reggia di Carditello Il recupero di una villa borbonica reggia-carditello

 

Di chi è questa città?

Sono salita nell’autobus, ho trovato un posto libero tra altri tre già occupati. Accanto a me è seduto un russo, poteva avere circa cinquant’anni, con lo sguardo severo e una brutta ancora tatuata sul collo. Guarda fuori dalla finestra; un giovane italiano è seduto di traverso e fa lo stesso, non si muove, ascolta la musica, sembra morto. Mi è di fronte un nero, anche giovane, è vestito con cura, ha l’espressione intelligente e amicale. All’ultimo minuto sale anche una coppia italiana, si ferma vicino alla porta, entrambi con piercing sul viso, con i vestiti troppo largi, pantaloni sciolti, le scarpe sporche. Lui maneggia una chiave e improvvisamente traccia dei graffi sulla porta di vetro. I graffi assomigliano a un codice graziato, illeggibile e brutto. Forse un segno per affermare il suo passaggio.

Dopo guarda la sua fidanzata e la bacia, pare che con la lingua vuole raggiungere il suo stomaco, o forse mangiare la ragazza intera. Io li guardo con disgusto, poi sposto lo sguardo al russo, sembra o finge di non aver notato niente. L’africano invece si gira intorno per vedere che cosa è successo, dopo i nostri occhi ci incontrano e ci guardiamo per un attimo. Non c’è nessuno che scuote la testa, come usavano fare le nostre nonne per esprimere la propria disapprovazione.

Ci guardiamo con tristezza e rammarico, con imbarazzo, senza dire una parola, eppure non siamo noi che ci dovremmo vergognare. Il ragazzo sta ancora succhiando la faccia della sua fidanzata, sembra stia celebrando un grande trionfo, come se avesse fatto un buon lavoro. Il russo sta sempre guardando fuori dal finestrino, l’africano invece si sta addormentando. Anch’io alla fine sono stancata di osservare la coppia. Per il resto del percorso ho continuato a domandarmi se devo dire qualcosa a lui, a quel giovanotto con la lunghissima lingua e orecchie sproporzionate, convinto di sembrare il Re Leone.

Scendo alla mia fermata e continuo a pensare che avrei dovuto dire qualcosa. Che uno di noi indiani, russi, negri, polacchi poteva dirgli che non doveva danneggiare la mia città.